APPELLO URGENTE: Diritti calpestati a Giugliano

Dopo Roma, emergenza anche nel Comune in provincia di Napoli, la denuncia dell'associazione 21 luglio
450 persone di etnia rom, di cui la metà bambini, sgomberati da una settimana, vivono in auto, all’addiaccio, in un’area dismessa della periferia di Giugliano, in provincia di Napoli.

La denuncia arriva dall’associazione 21 luglio che oggi, 15 maggio, con il suo presidente Carlo Stasolla, ha tenuto una conferenza stampa alla Camera dei Deputati, con il parlamentare Riccardo Magi, Alex Zanotelli, Enrico Muller, responsabile di CasArcobaleno di Scampia, Nicola Palma, consigliere comunale di Giugliano. Dopo gli episodi di Casal Bruciato e Torre Maura, hanno sottolineato i promotori dell’incontro, «continua ad accendersi di odio contro i rom la periferia italiana. I diritti umani sono stati violati dalle istituzioni nel Comune campano e in Italia l’onda dell’odio verso i rom vede crescere la sua forza».

A Giugliano una intera comunità, 450 persone di etnia Rom, sono state appunto sgomberate e si trovano attualmente in un’area dismessa, in condizioni di totale indigenza. Per Alex Zanotelli vivono «una via crucis, un calvario, trattate peggio degli animali» e bisognerebbe urgentemente ripristinare una situazione dignitosa, «in nome dell’articolo 3 della Costituzione».

Tanti di loro sono minori, «bambini iscritti alle scuole di Scampia», per lo più, come ha spiegato Enrico Muller. Di fronte a questa emergenza, da ieri l’Associazione 21 luglio, già partner della Federazione delle Chiese evangeliche italiane, ha fatto partire un mail bombing alle istituzioni locali e nazionali, per chiedere una sistemazione da dare a questi cittadini giuglianesi di origine Rom, mentre il presidente della onlus da tre giorni è in sciopero della fame: «non c’è nessun riflettore su questa situazione» ha detto Stasolla.

Tentativi che fino ad ora non hanno sortito alcun esito positivo e, considerato il maltempo, si teme che la situazione peggiori, oltre che un altro, ennesimo sgombero per i Rom accampati nella periferia di Giugliano. Per questo il sodalizio organizzerà lunedì prossimo, 20 maggio, una delegazione – aperta anche ai giornalisti – con Riccardo Magi ed altri parlamentari, a Giugliano.

Cliccando qui sotto è possibile sottoscrivere l'appello per fornire una soluzione abitativa alle famiglie di Giugliano.

https://www.21luglio.org/appello-urgente-a-giugliano-violati-i-diritti-umani-intervenite-subito/?fbclid=IwAR2zTJEkvC6HDhVgq8s0dDhWS30mAoCh4pWdX8h0zADBTjSr7kH1Q71lTvo

 

 

 

 

 

Un invito a conoscerci da vicino: una sezione che sinteticamente definisce il modo di intendere il cristianesimo da parte dei protestanti e dei valdesi in particolare, per comprendere i punti d’incontro così come quelli distintivi della nostra confessione rispetto alla dottrina cattolica. 

Per i valdesi al centro della fede cristiana vi è la lettura e il confronto con la Sacra Scrittura, ecco perché la predicazione è un momento molto importante del nostro culto.

Una linea diretta con la NEV, l’agenzia stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, che dal 1971 si occupa di promuovere l’informazione sul protestantesimo.