Sinodo valdese metodista 2019. Domenica 25 agosto l’apertura a Torre Pellice

Si apre il 25 agosto a Torre Pellice (Torino), capoluogo delle “Valli valdesi” del Piemonte, l’annuale Sinodo delle chiese metodiste e valdesi. Anche quest’anno i 180 deputati – pastori e laici in numero uguale – convergeranno da tutta Italia nella “capitale delle Valli valdesi” del Piemonte per decidere della vita della chiesa, e dedicheranno la loro attenzione a numerosi temi fra cui la questione della libertà religiosa, i rapporti con lo Stato, l’impegno sociale e comunitario, la “Diaconia globale”, i diritti umani, il presente e il futuro della cosiddetta “generazione interculturale” e delle chiese locali, l’ecumenismo e il dialogo interreligioso.

Il Sinodo si aprirà alle 15.30 del 25 agosto con un culto nel tempio di via Beckwith. La predicazione è stata affidata a Erica Sfredda, una predicatrice locale Nel corso del culto di apertura saranno consacrati al ministero pastorale Marco Casci, Sophie Langeneck e Nicola Tedoldi non prima, tuttavia, di aver superato il cosiddetto “esame di fede” del giorno precedente. Saranno i tre candidati ad aprire, insieme alla predicatrice Erica Sfredda, il tradizionale corteo lungo la via Beckwith fin dentro il tempio.

Dall’Italia per la Conferenza Episcopale Italiana (CEI) sarà presente Monsignor Ambrogio Spreafico, presidente della Commissione per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso (UNEDI).

La consueta “serata pubblica del lunedì”, in agenda il 26 agosto presso il tempio di Torre Pellice, sarà focalizzata sul tema del “Diritto, diritti, verità, democrazia” con interventi di: Marco Tarquinio, direttore di Avvenire, Maria Grazia Mazzola, giornalista, Marco Bouchard, magistrato; modera e introduce la serata Ilaria Valenzi, avvocata e responsabile legale della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI).

Attesi anche numerosi ospiti che come ogni anno giungono da diversi continenti tra cui Randy J. Mayer, pastore titolare della Good Shepherd United Church of Christ, impegnato da oltre vent’anni nelle terre di confine tra Usa e Messico, che sarà uno dei relatori dell’incontro sul tema delle migrazioni promosso da Mediterranean Hope – programma rifugiati e migranti della FCEI e dalla Commissione Sinodale per la Diaconia (CSD), che si terrà in occasione del Sinodo a Torre Pellice, il 26 agosto.

L’Assemblea sinodale, che è di fatto il massimo organo decisionale dell’Unione delle chiese metodiste e valdesi, si chiuderà venerdì 30 agosto con l’elezione delle varie cariche esecutive ed amministrative.

Con questo Sinodo si chiude il mandato del pastore Eugenio Bernardini (leggi quil’intervista) e sarà eletto/a il/la nuovo/a moderatore/a.

Per accreditarsi inviare una mail a nev@fcei.it.

 

#SinodoValdese

 

 

Un invito a conoscerci da vicino: una sezione che sinteticamente definisce il modo di intendere il cristianesimo da parte dei protestanti e dei valdesi in particolare, per comprendere i punti d’incontro così come quelli distintivi della nostra confessione rispetto alla dottrina cattolica. 

Per i valdesi al centro della fede cristiana vi è la lettura e il confronto con la Sacra Scrittura, ecco perché la predicazione è un momento molto importante del nostro culto.

Una linea diretta con la NEV, l’agenzia stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, che dal 1971 si occupa di promuovere l’informazione sul protestantesimo.